Home Eventi GRANDE INTERESSE E SUCCESSO DI PUBBLICO PER L’INCONTRO DI BISCEGLIE SU NOVITA’ NORMATIVE ED APPLICATIVE IN CAMPO AGRICOLO

Informazioni meteo

17°C
Bari
Nuvoloso per velature e stratificazioni anche compatte
Umidità: 68%
Vento: 11 nodi S
Sab

16°C
Dom

10°C
Lun

9°C
Mar

9°C
GRANDE INTERESSE E SUCCESSO DI PUBBLICO PER L’INCONTRO DI BISCEGLIE SU NOVITA’ NORMATIVE ED APPLICATIVE IN CAMPO AGRICOLO PDF Stampa E-mail
News - Eventi
Venerdì 12 Dicembre 2014 00:00

convegno 2014 bisSi è tenuto venerdì 12 dicembre presso la Centrale Ortofrutticola di Bisceglie, gremita di una straordinaria platea di autorità, esperti del settore e numerosi agricoltori provenienti da tutto il territorio regionale, un incontro di approfondimento su tre temi fondamentali del comparto agricolo attualmente interessati da un nuovo profilo normativo con una serie di implicazioni applicative.

L'incontro, frutto del lavoro di equipe di Agrinsieme (organismo associativo delle Organizzazioni agricole, Cia e Confagricoltura e della Alleanza delle cooperative Agci-Agrital, Fedagri e Lega Cooperative) nonché del Gruppo di Azione Locale Ponte Lama e Gruppo di Azione Costiera Terre di Mare, è stato moderato dal Direttore di Confagricoltura Bari, Saverio De Bellis, e si è strutturato tu tre temi portanti per il settore agricolo: Nuova PAC, Futuro PSR e regolamentazione delle OP.

 

Dopo i saluti istituzionali del Presidente della Provincia BAT, Francesco Spina, e del Sindaco di Trani Luigi Riserbato, i lavori sono stati aperti da Gianni Porcelli, vicedirettore di Confagricoltura Bari, che ha presentato l’applicazione della nuova PAC per le aziende agricole focalizzandosi sul nuovo schema dei pagamenti diretti, specificando quali sono i criteri per poterne beneficiare, e sulla introduzione della definizione di “agricoltore attivo”.

Durante l’intervento del vicedirettore Gianni Porcelli, vivo è stato l’interesse mostrato dalla platea, anche grazie alle domande poste dai rappresentanti delle Organizzazioni professionali, Nicola Cantatore (Direttore CIA BAT) e Vincenzo Villani ( responsabile CAA Confagricoltura bari) che hanno riportato esempi e problematiche attuali, nonché difficoltà burocratiche, legate all’applicazione pratica della nuova riforma.

L’intervento ha toccato inoltre, aspetti quali l’assegnazione dei nuovi titoli, i tempi previsti, la tipologia di coltura da indicare nelle domande, con particolare attenzione alle superfici destinate al pascolo.

Il secondo tema nell’incontro di approfondimento è stato trattato da Gabriele Papa Pagliardini, Autorità di gestione PSR Puglia 2007-2013, che ha illustrato gli obiettivi della programmazione comunitaria sottolineando la necessità di accogliere i suggerimenti delle precedenti programmazioni, scavalcando i vecchi limiti e dando priorità ed intensità d’aiuto diversificato a seconda che il progetto sia collettivo o singolo (criterio di privilegio per le aggregazioni stabili).

Pagliardini, facilitato da Giovanni Tricarico, direttore Confcooperative Puglia, e Francesco Contò, direttore del Dipartimento di Economia dell’Università di Foggia, ha chiuso il suo intervento affermando: “Il territorio del GAL Ponte Lama ha certamente anticipato i tempi, perché ha già avviato una proficua collaborazione sul territorio con il GAC Terre di Mare. Per il futuro la nostra regione prevede infatti la realizzazione di un unico soggetto, un'unica regia, che integri terra e mare.

Questo non perché si vuole ridurre il numero dei Consigli di Amministrazione ma perché in questo modo si realizza un vero sviluppo integrato del territorio.” Sempre a parere dell’Autorità di Gestione, “I GAL pugliesi saranno anche gli attuatori sul territorio delle politiche nazionali ed europee. I GAL potranno perciò garantire il reale sviluppo del territorio.”

Il tema della nuova regolamentazione sulle Organizzazioni dei Produttori, strumento importante nella prossima programmazione, è stato affidato, invece, a Nicola Laricchia, dirigente della Regione Puglia che a sua volta ha risposto alle domande di Giovanni Stampi, Consulente OP e Carmen Loverde, direttore di Aproli Bari.

Secondo il dirigente, risulta necessario dare ulteriore impulso alle Organizzazioni dei Produttori in quanto rappresentano lo strumento per la regolamentazione dei mercati, qualificando l’offerta ai fini di assicurare condizioni di vita eque per le comunità rurali. Nicola Laricchia ha concluso sottolineando che “attraverso le aggregazioni orizzontali e verticali tra le filiere i produttori possono ottenere maggiore potere contrattuale per acquisire nuovi spazi di mercato nei confronti della Grande Distribuzione Organizzata”.

A chiudere l’incontro i saluti di Giacomo Patruno, vicepresidente di Confagricoltura Bari e presidente della centrale ortofrutticola di Bisceglie che nella stessa giornata ha celebrato il suo cinquantenario di attività ricevendo la benedizione papale. L’incontro di ieri ha rappresentato un valido modello di interscambio di informazioni basato sulla conoscenza e partecipazione attiva non solo delle autorità politiche o degli specialisti di settore, ma soprattutto degli operatori del comparto agricolo, in particolar modo dei soggetti a cui sono destinati gli aiuti comunitari.