Home Area tributaria e fiscale CHIARIMENTI DELL’AMMINISTRAZIONE FINANZIARIA SULLA MANOVRA CORRETTIVA 2017

Informazioni meteo

21°C
Bari
Poco nuvoloso con sviluppo di nubi cumuliformi
Umidità: 45%
Vento: 16 nodi NO
Ven

22°C
Sab

23°C
Dom

23°C
Lun

22°C
CHIARIMENTI DELL’AMMINISTRAZIONE FINANZIARIA SULLA MANOVRA CORRETTIVA 2017 PDF Stampa E-mail
News - Area Tributaria e Fiscale
Giovedì 25 Maggio 2017 09:59

credito impostaRisoluzione ade n. 57 del 04/05/2017

Nuove regole per le compensazioni dei crediti tributari

Sono state riviste le soglie per poter accedere alle compensazioni orizzontali dei crediti fiscali rinvenienti dalla presentazione delle dichiarazioni annuali IVA, Redditi e relative addizionali, IRAP e ritenute alla fonte, riducendo da 15 mila a 5 mila euro il limite al di sopra del quale sorge l’obbligo di apposizione del visto di conformità da parte dei soggetti abilitati (professionisti, CAF imprese, ecc.).

A fronte dei nuovi adempimenti, è intervenuta l’Agenzia delle entrate che, con la risoluzione in oggetto, ha precisato che le nuove norme si applicano a tutti i comportamenti successivi alla loro entrata in vigore e, pertanto, alle dichiarazioni presentate dal 24 aprile 2017, ancorché integrative.

Per le dichiarazioni già presentate entro il 23 aprile prive del visto di conformità restano, invece, applicabili le regole precedenti. Devono, pertanto ritenersi valide le deleghe di pagamento che, pur presentate successivamente al 24 aprile, utilizzano in compensazione crediti per importi inferiori a 15mila euro emergenti da dichiarazioni senza visto già trasmesse.

Detrazione IVA entro i termini ridotti

Con l’art. 2 del D.L. n. 50/2017 sono stati introdotti nuovi termini per l’esercizio del diritto alla detrazione dell’IVA stabilendo che il diritto alla detrazione dell’IVA assolta sugli acquisti, ai sensi art. 19 del DPR n. 633/72, deve essere esercitato, al più tardi con la dichiarazione relativa all’anno in cui il diritto è sorto ed alle condizioni esistenti al momento della sua nascita.

Sul punto, sono arrivate le prime indicazioni nell’ambito dell’audizione del Direttore dell’Agenzia delle entrate, presso le Commissioni riunite Bilancio della Camera e del Senato del 04 maggio u.s., secondo cui i nuovi termini di registrazione delle fatture di acquisto, si applicano solo alle fatture emesse e ricevute nel 2017, anno in cui entra in vigore la nuova normativa, non anche alle fatture ricevute e non registrate negli anni precedenti, laddove non siano ancora spirati i termini per la detrazione dell’imposta.