Home Area tributaria e fiscale VERSAMENTO SECONDA O UNICA RATA ACCONTO IMPOSTE: 30 NOVEMBRE 2017

Informazioni meteo

17°C
Bari
Nuvoloso per velature e stratificazioni anche compatte
Umidità: 68%
Vento: 11 nodi S
Sab

16°C
Dom

10°C
Lun

9°C
Mar

9°C
VERSAMENTO SECONDA O UNICA RATA ACCONTO IMPOSTE: 30 NOVEMBRE 2017 PDF Stampa E-mail
News - Area Tributaria e Fiscale
Lunedì 06 Novembre 2017 10:21

downloadEntro il prossimo 30 novembre i soggetti interessati sono tenuti al versamento della seconda o unica rata dell’acconto 2017 relativo, tra gli altri:

• alle imposte Irpef, Ires e Irap;

• alla “cedolare secca” sulle locazioni di immobili abitativi;

• alle imposte patrimoniali Ivie e Ivafe;

• all’imposta sostitutiva per i contribuenti in regime forfetario;

Si ricorda che l’acconto può essere determinato con il criterio “storico” oppure quello “previsionale”.

Nel primo caso, il calcolo è effettuato facendo riferimento all’imposta dovuta per l’anno precedente (2016), al netto di detrazioni, crediti d’imposta e ritenute d’acconto risultanti dal modello Redditi.

Nel secondo caso, invece, il calcolo è effettuato facendo riferimento all’imposta dovuta per l’anno in corso (2017), tenendo conto dei redditi che presumibilmente si realizzeranno nell’anno nonché degli oneri deducibili/detraibili che dovrebbero essere sostenuti e dei crediti d’imposta spettanti.

Acconto Irpef

Ai fini del calcolo dell’acconto Irpef 2017, i contribuenti interessati (se non sussistono obblighi di ricalcolo) sono tenuti a considerare il 100% dell’importo risultante dal rigo RN34 del modello Redditi PF.

In particolare, il suddetto acconto:

• va corrisposto in unica soluzione entro il prossimo 30 novembre, se l’ammontare del rigo RN34 risulta pari o superiore a euro 51,65 ma non superiore a euro 257,52;

• va corrisposto in 2 rate, se l’ammontare del rigo RN34 supera 257,52 euro, di cui:

1. la prima, nella misura del 40%, era da versare entro il termine del versamento a saldo relativo alla dichiarazione dei redditi dell’anno precedente;

2. la seconda, nella restante misura del 60%, da corrispondere entro il prossimo 30 novembre.

Acconto cedolare secca

Ai fini del calcolo dell’imposta sostitutiva della cedolare secca, si rammenta che:

• l’acconto 2017 è dovuto in misura pari al 95% dell’imposta dovuta per il 2016;

• occorre seguire le regole previste per l’Irpef.

Acconto Ivie/Ivafe

Per il versamento dell’Ivie/Ivafe valgono le medesime regole previste ai fini Irpef.

In particolare, l’acconto 2017 è dovuto se l’importo indicato nel rigo RW7, colonna 1 (IVIE) o rigo RW6, colonna 1 (IVAFE) del modello redditi PF è pari o superiore a 51,65 euro, mentre non è dovuto se di ammonta non superiore a 51,65 euro. Tuttavia, l’acconto va versato in 2 rateladdove l’importo della prima rata superi 103 euro.

In particolare, per quanto qui interessa, la seconda rata, pari alla differenza tra l’acconto complessivamente dovuto e quanto corrisposto per la prima rata, va versata entro il 30 novembre; laddove l’importo dovuto per la prima rata fosse inferiore a 103 euro, l’acconto va versato in un’unica soluzione sempre entro il prossimo 30 novembre.