Home Area tecnico – economica HAI REVISIONATO IL TUO VECCHIO TRATTORE? LA STORIELLA DELLE REVISIONI DELLE MACCHINE AGRICOLE
HAI REVISIONATO IL TUO VECCHIO TRATTORE? LA STORIELLA DELLE REVISIONI DELLE MACCHINE AGRICOLE PDF Stampa E-mail
News - Area Tecnico – economica e ambiente
Venerdì 05 Gennaio 2018 00:00

trattore

È ancora trascorso il 2017 e i Ministeri delle Politiche agricole e delle Infrastrutture e Trasporti ancora non hanno promulgato i Decreti attuativi per la revisione delle macchine agricole costruite prima del 1973.  È probabile che questi mezzi diventino pezzi da museo piuttosto che siano revisionati.

L’incertezza è a carico di coloro che, quando ci saranno i decreti, dovranno compiere le revisioni. In poche parole, le officine autorizzate non sanno quali siano i parametri da applicare nelle revisioni e quale grado di accuratezza seguire. Ad esempio, c'è la questione di certi accessori non originali che va snodata. Senza parlare dei fumi di scarico di trattrici vecchie di 44 anni: quali maglie saranno applicate? Si valuteranno i trattori sulla base dell'età oppure si vorranno gas di scarico in linea con le più recenti disposizioni? E, in questo caso, che costo avrà l'adeguamento?

Gli scaglioni delle macchine da revisionare, partono vale dai mezzi più vecchi:

- Entro il 31 dicembre 2018 dovranno essere revisionate tutte le macchine immatricolate fra il 1° gennaio 1974 e il 31 dicembre 1990;

- I trattori immatricolati fra il 1° gennaio del 1991 e il 31 dicembre 2010 sono da revisionare entro il 31 dicembre 2020;

- Le macchine più attuali, immatricolate dal 2011 al 2015, dovranno essere revisionate entro fine dicembre 2021.

Un intervento di Aproniano Tassinari, presidente Uncai, l'Unione nazionale dei contoterzisti partner di Confagricoltura, chiarisce: "a dire il vero è dagli anni '50 che il Codice della strada parla di revisioni per i mezzi agricoli. Poi ogni tanto l'argomento torna al centro dell'attenzione. Al momento siamo a livello di barzelletta, ma questo è normale, perché, e lo dico però con molto rispetto, nei luoghi deputati a queste decisioni mancano persone competenti in materia. Mi spiego: per i decreti attuativi serve scendere nei particolari, si entra nel vivo della meccanica, occorre decidere quali organi vanno revisionati e quali parametri vanno rispettati. Serve gente competente, meglio ancora se con le mani sporche perché coi trattori ci lavora tutti i giorni".

 

Iscriviti alla newsletter